logo



Istituto S. Francesco di Sales di Città di Castello

sales

Presentazione

La storia dell`Istituto San Francesco di Sales di Città di Castello ha inizio nel 1816 quando Sua Ecc. Mons. Francesco Antonio Mondelli fonda la scuola ristrutturando un vecchio convento agostiniano e avvalendosi delle Suore Salesiane ”Figlie di San Francesco di Sales”, le quali animano subito la scuola elementare e la prima ed unica scuola femminile della città.
Nella fedeltà allo spirito del fondatore nei confronti dei giovani e delle giovani, dopo alterne vicende, tre date segnano in modo indelebile la vita dell`Istituto e dell`intera comunità tifernate: il 1936 quando il Provveditore agli Studi di Perugia concede l`autorizzazione per l`intero corso dell`Istituto Magistrale, il 1939 quando la Scuola Media ottiene il riconoscimento legale con D.M. 3/08/1939, il 1965 quando viene aperta la Scuola Magistrale che prepara le insegnanti della scuola materna, e il 1968 quando viene aperta la scuola Materna”autorizzata” dal Provveditore agli studi di Perugia e collocata, come oggi, al piano terra del grande edificio ubicato nel centro storico. A completamento dei vari ordini scolastici nel Settembre del 2002 è stato aperto il Nido Primavera, una struttura che accoglie i bambini dai 16 ai 36 mesi. Sotto la spinta di questa grande tradizione, il nostro Istituto oggi si propone con un progetto educativo di continuità rispetto al passato ma, allo stesso tempo, capace di affrontare le nuove sfide della modernità.

Dal 2010 l’Istituto, in collaborazione con l’Emerald Institute di Dublino e la rete di scuole Liberi di Educare, realizza all’interno dell’ attività curricolare della scuola Primaria il programma di apprendimento della lingua inglese Improve Your English finalizzato ad acquisire un livello di competenza linguistica adeguato utilizzando un metodo specifico che prevede: continuità interdisciplinare, CLIL (Content and Language Integrated Learning, metodologia di insegnamento di una disciplina in lingua straniera), studio della cultura e della tradizione dei paesi anglofoni, gemellaggi, una settimana residenziale a Dublino in classe V.

Nido d’infanzia

1

Il nido “Primavera” San Francesco di Sales vuole essere una collettività di piccoli e di adulti, e vuole costituire un’occasione per il bambino di intessere precocemente rapporti e legami di affetto, di amicizia e di scambio.
Presentandosi non solo come un ambiente ricco dal punto di vista sociale, ma anche come un luogo di gioco e di attività mirate, offre ai bambini preziose opportunità di scambio comunicativo e di conoscenza.
La valenza pedagogica di questo nido e, dunque, la sua qualità, si gioca sulla sua capacità di proporsi come ambiente sicuro, generoso dal punto di vista affettivo, ricco di occasioni sociali e di situazioni di apprendimento.
La personalizzazione dei rapporti, delle attività e dei tempi dell’istituzione, il rispetto dell’individualità del bambino, della sua, seppur breve, storia e della sua cultura, il rispetto e la promozione dei ritmi di crescita, sono fra i principi cui ci si attiene nel progettare l’intervento educativo.

Scuola dell’infanzia

2

La scuola dell`Infanzia offre spazi e servizi adeguati alla formazione integrale degli alunni e allo sviluppo di tutte le loro naturali capacità creative.
Il metodo pedagogico della scuola dell`Infanzia ha come base la valorizzazione di una posizione di stupore di fronte alla realtà da scoprire, senso di ogni azione.
Il bambino così sarà introdotto alla realtà e alla scoperta del suo significato, sarà aiutato a riconoscere la sua identità per realizzarla integralmente e sarà sostenuto nella conoscenza del proprio io in azione dentro la realtà.

Scuola Primaria

3

L`attività educativa della scuola Primaria, ha come obiettivo fondamentale la promozione della personalità del bambino e dell`adolescente, favorendo la maturazione della coscienza di se stessi e della realtà. Il percorso educativo è un`esperienza della persona
Il percorso educativo della scuola Primaria si esplica in una programmazione, che tiene conto della centralità della persona nella sua complessità e nel suo divenire, in relazione alle problematiche e alle esigenze emergenti in ogni circostanza.
La scuola Primaria, che è il luogo in cui si gettano le basi dell’educazione, vuole offrire l’occasione di imparare quello che conta, di imparare ciò che è fonte di serenità e di soddisfazione e che entra, come valore, a far parte integrante della vita di ciascuno.
Punto di riferimento è la presenza dell’insegnante prevalente che accompagna e guida il bambino a fare ordine nel sapere e a diventare sempre più consapevole di sé e di ciò che incontra.

Scuola secondaria di primo grado

4

L`attività educativa della scuola secondaria di primo grado, ha come obiettivo fondamentale la promozione della personalità del bambino e dell`adolescente, favorendo la maturazione della coscienza di se stessi e della realtà. Il percorso educativo è un`esperienza della persona, esso si attua se da parte della comunità educante vi è un`ipotesi che viene chiaramente proposta e offerta ai giovani che frequentano la scuola. Scopo dell`attività scolastica è mettere l`alunno nella condizione di verificare l`ipotesi di significato indicata. La chiave di interpretazione della realtà proposta dagli insegnanti attinge la sua radice nell`esperienza cristiana, intesa come fedeltà alla Chiesa, presenza storica di Cristo.
La scuola Primaria di Secondo Grado è la scuola del passaggio all’adolescenza e quindi questo triennio scolastico è di fondamentale importanza nell’esperienza formativa di un ragazzo che inizia un’avventura nella quale si mette in gioco personalmente  in modo sempre più cosciente e responsabile.
La scuola secondaria di primo grado, attraverso il delinearsi delle diverse discipline, cioè dei diversi linguaggi e metodi di approccio alla realtà, propone un lavoro culturale finalizzato in particolare all’apprendimento di un metodo di studio.
Il compito educativo viene attuato dagli insegnanti attraverso un percorso comune, realizzato in ogni classe secondo il metodo dell’interdisciplinarità.

Liceo Economico Sociale

5

Da anni impegnato nel campo delle discipline sociali e pedagogiche, l’unico a Città di Castello nella sua tipologia, il Liceo Economico Sociale San Francesco di Sales, unisce ad una preparazione culturale di livello liceale un approccio sistematico alle discipline sociali e giuridico economiche.
Tra le sue peculiarità, oltre alle discipline umanistiche e a quelle delle scienze umane, sono potenziate l’inglese e lo spagnolo.
L’apprendimento linguistico, infatti, viene completato con stage all’estero. Il corso, rigorosamente monosezione, si struttura in un orario flessibile che prevede il SABATO LIBERO e la possibilità di seguire i corsi facoltativi pomeridiani di latino e teatro.
All’interno del sito internet della scuola è predisposto uno spazio informativo (cartella compiti) a cui le famiglie e i ragazzi possono accedere tramite una password fornita dalla direzione della scuola all’inizio dell’anno scolastico.
Tale spazio è aggiornato quotidianamente così che gli alunni possano visionare i compiti assegnati dai docenti in qualsiasi momento.
Durante il secondo biennio, per conoscere reali contesti lavorativi, sono previsti stage formativi in aziende e società che svolgono attività nel settore sociale ed educativo.