logo



19
GIU
2018

Estate insieme

Finisce un tempo, ne comincia un altro. Si è concluso il momento della formazione intesa in modo più tradizionale, a scuola, con i compagni: ma non si smette di imparare. Anche in questi mesi estivi la crescita dei nostri ragazzi prosegue e la strutturazione del loro essere, della loro personalità e delle scelte che fanno e faranno prosegue. Anche per questo le scuole della rete Liberi di Educare hanno deciso di rinnovare la proposta di centri estivi nelle proprie scuole: per proseguire con lo spirito di sostegno alle famiglie – che spesso ancora sono impegnate al lavoro, di questi tempi – nel percorso educativo dei figli. Anche se con altri ritmi e differenti modalità, proporre ai ragazzi queste giornate insieme fino a fine luglio luglio e da quest’anno, in alcune scuole dell’infanzia, anche a settembre è un modo di garantire a loro e alle famiglie un luogo sicuro, sperimentato e con personale selezionato e attento, così che i bambini possano essere sempre al centro del percorso pensato per loro durante tutto l’anno scolastico precedente – e non solo.

Oltre ai centri estivi, si rinnova per i più grandicelli e le famiglie l’offerta di Londra: vacanze studio di gruppo dai 10 ai 17 anni e corsi individuali per maggiorenni, oltre alla proposta per le famiglie – dai 3 ai 99 anni – a cui è dedicato il mese di agosto. In questo mese è possibile soggiornare nella struttura di St. Joseph, seguire corsi differenziati a seconda delle età, mentre i più piccoli giocano con i coetanei, e visitare liberamente la città, il tutto a prezzi decisamente competitivi. Per tutti gli altri, lezioni con insegnanti madrelingua la mattina e attività guidate per Londra il resto della giornata, con la garanzia di essere seguiti da insegnanti del posto e dal nostro bravissimo direttore Leonardo.

Percorsi di visita della città differenziati in base a interessi e inclinazioni, studiati per stimolare i ragazzi: informazioni più dettagliate sui siti www.italianroom.it e www.stjosephlanguageschool.com.

 

Leggi qui il resto della newsletter.



su Twitter


su Facebook


su Google+