logo



18
SET
2020

Sicurezza e serenità

Protocolli sanitari, distanze, regole. La scuola ricomincia con grande attenzione alla salute di bambini e familiari, nel rispetto delle norme di sicurezza. Gli istituti della rete Liberi di Educare sono rigorosi nella cura della salute di tutti e gli edifici consentono lo spazio necessario per accogliere tutti gli iscritti senza problemi. Lezioni all’aperto, oggetti facilmente disinfettabili o piccoli strumenti facilmente trasportabili per non gravare sugli zaini, eliminazione delle attrezzature inutili o non sanificabili: durante l’estate, gli insegnanti e i direttori si sono confrontati a lungo per capire quali strumenti usare, quali soluzioni applicare per proporre a tutti gli allievi, dai bambini più piccoli ai più grandi, attività formative, divertenti e significative tutelando la salute ma anche proseguendo il percorso educativo che da sempre è il fulcro del nostro agire.

Un aspetto, questo, che vogliamo sottolineare con forza: l’emergenza sanitaria non deve farci perdere di vista il nostro scopo principale, che è l’attenzione e il sostegno a bambini e ragazzi durante la crescita. Accompagnarli a diventare persone solide, complete e competenti non deve essere messo in secondo piano dalle difficoltà del momento. Questo sarà il nostro proposito anche per questo nuovo anno: trasmettere serenità ai ragazzi, far capire loro che le difficoltà della vita si affrontano e risolvono insieme, passo dopo passo. Ciascun allievo sarà chiamato a una responsabilità individuale e collettiva, che nessuna norma può sostituire. Crediamo nell’intelligenza e nell’umanità delle persone, a qualunque età, e la coltiviamo anche con un patto di fiducia reciproca, con le famiglie e con i bambini, convinti che anche questa sia un’occasione formativa.

Le scuole hanno a disposizione mascherine, disinfettanti e seguiranno ogni indicazione per evitare rischi inutili. Allo stesso tempo tutti noi – famiglie e personale scolastico – che componiamo la comunità educante saremo responsabili e ci impegneremo a non trasmettere ansie ai ragazzi, evitando di creare un ambiente improntato al controllo, preferendo piuttosto coltivare fiducia e collaborazione.

E buon inizio di anno!

 



su Twitter


su Facebook


su Google+