logo



19
FEB
2021

Una scuola internazionale

Non si tratta solo di bilinguismo. Nelle scuole della rete Liberi di Educare, l’inglese con insegnanti madrelingua è uno degli strumenti che offriamo non solo perché i bambini possano parlare fluentemente da subito. Lo scopo è quello di allargare i loro orizzonti, di renderli più consapevoli, e come tali sempre più responsabili delle proprie scelte. Tutte le esperienze scolastiche che proponiamo ai bambini vanno in questa direzione: nell’aiutare i bambini a capire la realtà, a possederla, con umiltà ma allo stesso tempo in modo proattivo e cosciente. 

Proprio in quest’ottica, l’istituto San Giuseppe di Montecatini Terme ha ideato un progetto di esplorazione internazionale. In questi periodi di Covid e di limitazioni agli spostamenti, ha particolarmente importanza presentare ai bambini realtà lontane fisicamente ma possibili da comprendere. Un percorso articolato per consentire loro di confrontarsi con realtà internazionali, allargare le proprie conoscenze e ad appassionarsi a ciò che il mondo propone.

Il progetto comincia con un lavoro in classe sulla posizione geografica e sugli aspetti sociali e culturali di alcune nazioni, con attività didattiche relative a ciascun paese, a cui seguirà un collegamento con una persona che vive in quella nazione, per approfondire ciò che è stato studiato e per conoscere anche aspetti della vita quotidiana. I bambini potranno quindi confrontarsi e fare domande ad Alessandra Buzzetti, giornalista residente a Gerusalemme; a Carlo Marconi, docente all’Università di Barcellona (ex studente della nostra scuola); a Federico Reato, direttore dell’HTM Center in Arizona (USA); a Leonardo Salerno, direttore della St. Joseph Foundation di Londra; a Simon Schumich, dirigente della Camera di Commercio di Vienna e a  Tiziana Gualtieri, docente all’Università St Tikhon’s di Mosca.

Per i bambini della quinta, seguiti dalle maestre Veronica, Alessandra e Karen, sarà una fantastica occasione di approfondire la conoscenza di stili di vita ed esperienze in paesi diversi dal nostro, e in questo modo di ampliare lo sguardo su possibilità e scelte che altrimenti magari non immaginerebbero.



su Twitter


su Facebook


su Google+