logo



20
SET
2022

Feel Green

Il progetto Feel Green nasce dal riconoscimento che l’educazione al rispetto della natura e allo sviluppo sostenibile è oggi una priorità per il presente e per il futuro nostro e dei nostri ragazzi.
La transizione verso un’economia verde, sostenibile, circolare è un’esigenza che cambia il nostro modo di agire, pensare, sentire le cose e le relazioni. Possiamo subirla o viverla come un’avventura affascinante, piena di scoperte e emozioni.
Nella scuola da molti anni si affronta il tema del rispetto dell’ambiente e della natura come parte di un’esperienza più compiuta di rapporto corretto con la realtà, ma in questo particolare momento storico, dove l’attenzione generale pare sottolinearne l’urgenza, può essere un’opportunità per bambini e ragazzi di scoprire la bellezza di ciò che ci circonda e che ci è stato donato. Senza lo stupore per quello che c’è è più difficile comprendere la convenienza di azioni per la salvaguardia del nostro ambiente naturale.
Il progetto che abbiamo articolato investe tutti gli anni del percorso scolastico e vuole sviluppare, in sensibilità ed esperienza, le ragioni e le conoscenze di questo rapporto con la realtà toccando trasversalmente tutte le discipline.
Insieme all’intero progetto Feel Green suggeriamo una serie di azioni, interne alla scuola, che favoriscano il nascere di un’attenzione sempre crescente ad un uso attento di ogni risorsa che ci è affidata.

SUGGERIMENTI PER UNA SCUOLA CHE SIA SEMPRE PIU’ GREEN

RISPARMIO ENERGETICO
– Spengere la luce quando gli ambienti non sono utilizzati, anche per brevi periodi. Non aprire le finestre, se non per il ricambio di aria, a termosifoni accesi.
– Staccare la presa degli elettrodomestici inattivi.
– Impiegare il riscaldamento degli ambienti in maniera sostenibile. È meglio indossare capi di
abbigliamento adeguato che utilizzare strumenti riscaldanti in modo inadeguato.

RIDUZIONE DEI RIFIUTI E PROMOZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA
– Portare borracce da riempire per bere, riducendo il consumo di plastiche.
– Per la merenda di metà mattina si suggerisce l’utilizzo di contenitori ermetici riutilizzabili per evitare uso di plastiche, carta alluminio e bustine usa e getta.
– A mensa abolire l’uso di bottiglie di plastica ed introdurre le brocche con acqua potabile. Utilizzo dei piatti di ceramica, stando attenti ad usare prodotti bio per il lavaggio in lavastoviglie da effettuare solo a carico pieno.
– Rendere disponibile in ogni classe i contenitori per la raccolta differenziata: organico, carta, plastica/alluminio, indifferenziato.

PROMOZIONE USO MATERIALI GREEN E RICICLAGGIO RIUTILIZZABILI E A KM ZERO
– Fare uso di carta solo riciclata o proveniente da fonti responsabili. Stimolare l’impiego della carta da entrambe le parti, anche in quelli da disegno.
– Favorire il più possibile l’acquisto di materiale prodotto con plastiche riciclate (penne e astucci, zaini ecc) o altri materiali provenienti da fonti responsabili.
– Suggerire l’acquisto di calcolatrici a energia solare.
– Favorire la costruzione di oggetti e giochi per la scuola con materiale di riciclo.
– Incrementare processi di dematerializzazione della carta attraverso il ricorso alla digitalizzazione, riducendo l’uso del cartaceo nelle comunicazioni interne ed esterne.
– Individuare uno spazio virtuale online a disposizione dei genitori per il riutilizzo di materiali scolastici e non, in buono stato ma non più compatibili con l’età dei minori, da mettere a disposizione di altre famiglie.

RIDUZIONE DELLO SPRECO ALIMENTARE
– Studiare metodi per il conferimento dei cibi avanzati a organizzazioni caritatevoli anche con il concorso di enti no profit. Uso della frutta avanzata per la merenda nel pomeriggio.
– Introduzione del “Menù mensile Feel Green”, con prodotti a filiera corta e biologici, comunque da privilegiare sempre.
– Distribuzione dei pasti con piatti multifunzione per favorire negli alunni diete bilanciate ed evitare lo spreco alimentare.

RISPARMIO IDRICO
– Sensibilizzare i bambini e adulti ad un uso consapevole dell’acqua.
– Chiudere i rubinetti quando ci insaponiamo le mani e comunque appena finito di utilizzare l’acqua.
– Verificare il corretto stato di manutenzione di impianti e scarichi, segnalando immediatamente anche piccole



su Twitter


su Facebook


su Google+