logo



Date:Dicembre 24, 2013

Il luogo della memoria

Mariella Carlotti, Il luogo della memoria

SEF, Società Editrice Fiorentina

libro

 

«L’unica gioia al mondo è cominciare. È bello vivere perché vivere è cominciare, sempre ad ogni istante».
Perché questa intuizione di Pavese non resti una suggestione estetica, ma diventi un’esperienza, la vita di ognuno di noi ha bisogno di un luogo che renda presente l’ideale e richiami continuamente la coscienza. Un luogo il cui modello ideale sono stati per secoli monasteri e conventi: una casa tra le nostre case, in cui la memoria dello scopo del vivere sia quotidianamente sostenuta e renda denso l’istante.
Il convento domenicano di San Marco a Firenze fu affrescato da Beato Angelico, un frate dell’Ordine, che sentiva in sé questa urgenza ideale e la espresse con la genialità che gli era propria, quella di un grande artista del Rinascimento.
È nato così un luogo di memoria, un luogo in cui la bellezza dell’arte è tutta piegata a sostenere la coscienza di uomini che volevano vivere l’ideale in tutte le pieghe della vita quotidiana.