logo



27
GEN
2015

Inglese in famiglia

Il bilinguismo e l’accoglienza familiare sono il tratto distintivo di questa storica scuola di quartiere. Abbiamo saputo unire alla tradizionale accoglienza delle maestre ed educatrici la capacità di rinnovare la proposta didattica andando incontro a un’esigenza sempre più sentita dai genitori, quella che i loro figli siano più preparati alla realtà internazionale in cui ci troviamo a vivere. Dunque pur mantenendo fermi i nostri valori educativi abbiamo pensato di introdurre insegnanti madrelingua che parlano quotidianamente in inglese ai bambini della scuola dell’infanzia. In questo modo l’apprendimento dell’inglese diventa per loro naturale e giocoso. Il progetto si sta espandendo ora anche alla primaria, dove le insegnanti di inglese che vengono scelte sono esclusivamente madrelingua, coordinate dalla nostra storica e competente Miss Falagiani in modo da garantire un processo adeguato di introduzione della lingua straniera e modalità compatibili con la nostra cultura.

Ma il cardine della nostra scuola rimane la proposta educativa forte, che mette al centro il bambino e lo accompagna in ogni sua particolarità, senza appiattire e uniformare gli allievi ma guidandoli con percorsi personalizzati in grado di esaltare le caratteristiche di ciascuno e sostenerne le eventuali incertezze. A noi sta a cuore la serenità dei piccoli, premessa per lo sviluppo di persone responsabili ed equilibrate, soddisfatte di sé e in armonia con il contesto in cui si trovano a vivere.

Ci teniamo inoltre a sottolineare che la nostra scuola è fortemente orientata alla creazione di una comunità educante salda e articolata, composta dai bambini, dalle insegnanti e dalle famiglie. Per farlo, organizziamo spesso attività scolastiche e non dedicate all’intero nucleo familiare. In questo modo vogliamo creare momenti di divertimento insieme utili per i bambini ma anche per gli adulti che così possono trovarsi con altri genitori con cui condividere l’impegnativo e bellissimo compito di crescere i propri figli.

Vi aspettiamo!

 

 

Leggi il resto della newsletter qui



su Twitter


su Facebook


su Google+